Civita di Bagnoregio

Storia, arte, cultura e tradizioni, sono i requisiti fondamentali di un territorio che sembra quasi essersi fermato in un passato ricco di avvenimenti.
Civita di Bagnoregio è un esempio di meraviglia unico nel suo genere.
Unita al mondo solo da un lungo e stretto ponte, la “Città  che muore”, ormai da tempo così chiamata a causa dei lenti franamenti delle pareti di tufo, racchiude un ciuffo di case medioevali ed una popolazione di pochissime famiglie.
Appoggiata dolcemente su un cucuzzolo, la cittadina sovrasta imperiosamente l’immensa vallata sottostante, offrendo così al turista un incantevole e indimenticabile scenario.

 

 

Lago di Bolsena

Il lago di Bolsena può vantare un ambiente naturale quasi completamente incontaminato ed è uno dei pochi grandi laghi italiani ad essere completamente balneabile. La pulizia delle sue acque (recita un detto dei pescatori che questo è “il lago che si beve!”) ha garantito uno straordinario sviluppo di specie animali e vegetali, tra cui molte specie di alghe e piante subacquee quasi completamente scomparse in altri bacini.

 

 

Cascata delle Marmore

La Cascata delle Marmore è una cascata artificiale tra le più alte d’Europa, potendo contare su un dislivello complessivo di 165 metri, suddiviso in tre salti. Si trova nella Valnerina a circa 7,5 Km da Terni e a 28 km da Spoleto, è formata dal fiume Velino che in prossimità  della frazione di Marmore defluisce dal Lago di Piediluco e si tuffa con fragore nella sottostante gola del fiume Nera, affluente del Tevere.